FriuliRun | Corse e marce in FVG - Blog

Amalfi Positano UltraTrailSi correrà domenica 29 maggio 2016, la seconda edizione dell'Amalfi Positano UltraTrail, nello scenario mozzafiato della Costa d'Amalfi, che non è solo mare, è soprattutto montagna. Una costa che nasconde percorsi trekking da favola che offrono un'esperienza diversa con scenari e panorami indimenticabili. Si corre a stretto contatto con la rigogliosa vegetazione mediterranea, tra boschi di quercia e castagno, fra il candore delle rocce, sospesi tra cielo e mare.
Una corsa a piedi in ambiente naturale, che percorre attraverso sentieri, mulattiere e scalinate la parte alta della Costa d'Amalfi-Positano, Patrimonio Mondiale dell'Umanità.

Vi aspettano panorami da favola, il Sentiero degli Dei offre una magnifica vista sui paesaggi costieri e montani da  Positano a Capri, tra passaggi rocciosi, macchia mediterranea, boschi di leccio e terrazzamenti ricavati sui ripidi versanti.
Il Fiordo di Furore uno degli angoli più suggestivi, dove il mare si insinua in una profonda spaccatura dalle pareti molto ripide e si incunea all'interno creando un mix tra paesaggio roccioso e le cristalline acque del mare.
La Valle delle Ferriere, un luogo unico al mondo, dove si possono trovare cascate e percorsi d'acqua, attraversando boschi di felci e costeggiando ruscelli.

Fregona Trail FestSono aperte le iscrizioni per le gare del Fregona Trail Fest che si correrà domenica 10 luglio 2016 a Fregona (TV).
Il Fregona Trail Fest, giunto alla sua 13° edizione è organizzato dall’associazione Scuola di Maratona di Vittorio Veneto, l’associazione Pro Loco di Fregona, il Comune di Fregona e l’associazione culturale dei Cimbri del Cansiglio.
Fanno parte del Fregona Trail Fest le seguenti gare, Pizzoc Trail, Troi dei Cimbri e Antico Troi degli Sciamani, tre percorsi lunghi 22, 45 o 80 km che si snodano alle pendici del monte Pizzòc, per tre differenti esperienze nella splendida cornice della Foresta del Cansiglio. Il Troi dei Cimbri è gara qualificante UTMB e vale 1 punto (2 new), l’Antico Troi degli Sciamani è gara qualificante UTMB e vale 2 punti (4 new).

Si raccomanda la lettura del regolamento per ulteriori informazioni utili e conoscere l'elenco del materiale obbligatorio.

 

 Sul sito sono disponibili tariffe di iscrizione agevolate fino al 06/01/2016

Winter TrailSi corre domenica 10 gennaio 2016 a Bione, comune della Val Sabbia in provincia di Brescia, la 4° edizione del  Winter Trail Monte Prealba.
Gli organizzatori hanno pensato tre lunghezze, dalla “hard” alla “softly” passando per la “softly hard” su percorsi di 51, 26 e 14 km, per accontentare tutti i runner che non hanno timore di sfidare l’inverno, la neve o il gelo.

I percorsi sono panoramici e suggestivi, con il passaggio nella Valle delle Fucine di Casto e la serie di passerelle che percorrono uno stretto canyon, che ricompenserà i corridori con il suo paesaggio incantato.
Il percorso più lungo, porterà a valicare 8 colli fra i quali ricordiamo il Dos de Roca, Carné, Crocette, Dos dei Dardarì, Dos del Cè per giunge sulla sommità del Monte Prealba, tetto della manifestazione con i suoi 1271 metri.

Il tempo massimo delle manifestazioni è fissato in 12 ore per il Winter Trail Hard, 9 ore per il Winter Trail Softly Hard e 5 ore per il Winter Trail Softly.
Si raccomanda la lettura del regolamento per ulteriori informazioni utili e conoscere l'elenco del materiale obbligatorio

Val Maremola TrailSi correrà domenica 14 febbraio 2016 la quarta edizione del Val Maremola Trail a Tovo San Giacomo (Sv).
Come ogni anno il percorso è stato modificato ed è stato aumentato il chilometraggio, questa volta gli atleti avranno il piacere di attraversare Verezzi, uno dei borghi più belli d’Italia e potranno ammirare gli stupendi panorami della Riviera Ligure di Ponente.
La gara si snoda sul versante marino del complesso montuoso del Monte Grosso, dunque tra mare e montagna, è una corsa a passo libero in ambiente naturale, che percorre i sentieri del comprensorio collinare e montano di quattro Comuni, tracciando un ampio circuito che parte e arriva a Tovo San Giacomo.
La corsa offre due percorsi, uno di competitivo di 27 km con dislivello positivo di 1600m e uno non competitivo di 13 km con dislivello positivo di 700m. Anche se le quote non sono mai elevate, si sale e si scende in continuazione senza mai andare oltre i 300 metri di altitudine, per questo motivo è considerata da tutti gli atleti, dall’amatore a quelli di punta, un appuntamento al quale non mancare per testare la condizione ed il livello di preparazione in vista delle gare future.


Visto il giorno in cui si corre la gara verrà consegnato un premio speciale di San Valentino alle prime tre coppie giunte insieme al traguardo.

Ronda ghibellinaQuattro percorsi diversi per accontentare ogni corridore, la Montefortiana si corre il  17 gennaio 2016 a Monteforte d'Alpone, L'EcoMaratona sulla distanza di 44 km con un D+ di 1900m, è da considerarsi come una sfida dal punto di vista tecnico ma anche un omaggio alla natura e al mondo che ci circonda. Rispettando l'ambiente circostante, l'ecomaratona valorizza i luoghi tipici dell'Est veronese, come le colline della Val d'Alpone e Val d'Illasi, Castelcerino, Montecchia, Cazzano e Soave che presentano al pubblico panorami mozzafiato.

L'Ecorun Turà ricalca le linee dell'ecomaratona una gara all'insegna del rispetto verso la natura ed il territorio del Soave, la differenza sarà un percorso di 26 km più breve rispetto all'ecomaratona. I più grandi atleti della specialità sono passati da questa gara e i migliori hanno scritto il loro nome sull'Albo d'oro della corsa come Gelindo Bordin, Francesco Panetta, Graziano Calvaresi, Stefano Baldini, Daniele Meucci, Vicenza Sicari, Bruna Genovese, Rosaria Console e i migliori Kenioti e Keniote.
La maratonina Falconeri accoglie circa 2000 atleti che si contendono la vittoria sull'impegnativo percorso collinare della Montefortiana. Nell' Albo d'oro figurano Stefano Sartori, Franca Fiacconi, Salvatore Bettiol, Giorgio Calcaterra, Laura Giordano, Ruggiero Pertile e Giovanna Ricotta.

L'ottima organizzazione e la consistenza dei ristori pongono la Marcia dei 18.000 nell'elite del podismo internazionale. Nei ristori sono state preparate e consumate incredibili quantità di cibo e bevande, ad esempio nel ristoro di Soave a cura degli Alpini locali vengono consumati annualmente 15 quintali di minestrone. Agli insaziabili si ricorda la presenza di tutto quello che ogni marcia normalmente offre ai partecipanti, marmellata, miele, biscotti, thé, arance, limoni.